Il 5° incontro di sensibilizzazione del progetto “..verso il DES maceratese” si è tenuto a Treia il 19 novembre scorso presso l’Istituto Comprensivo “E. Paladini”, con il  patrocinio del Comune di Treia e la collaborazione del prof. Federico Teloni.

L’incontro è stato rivolto in particolare alle famiglie degli studenti della Scuola Media Inferiore, impegnati nel progetto formativo “Crescere nella cooperazione”,  finanziato dalla BCC locale. Il prof. Teloni ha presentato il progetto ai genitori, con il quale gli studenti sperimenteranno e svilupperanno capacità di cooperazione attraverso laboratori specifici e istituendo una vera e propria Associazione Cooperativa Scolastica.

Il consigliere comunale Andrea Mozzoni ha spiegato  l’importanza del progetto per Treia, in particolare per stimolare i ragazzi alla riscoperta dei prodotti locali e alla conoscenza più approfondita del proprio territorio di origine. Ha inoltre spiegato come questo progetto vorrebbe essere affiancato dalla nascita di un GAS, unendo il lato sperimentale alla pratica vera e propria di azioni solidali che si potrebbero concretizzare nel GAS di Treia.

Successivamente, Davide Guidi – ex presidente della REES Marche – ha spiegato su che basi nasce un GAS, illustrando brevemente alcuni punti fondamentali dell’economia solidale e gli elementi che caratterizzano un GAS. In particolare:

  • il consumo critico e consapevole,
  • l’attenzione all’ambiente e al sociale,
  • gli acquisti food e non food,
  • la domanda consapevole.

Si è parlato della nascita e il funzionamento di un GAS, dall’aggregazione iniziale, l’individuazione dei produttori del territorio, agli aspetti logistici e alcuni esempi di modalità organizzative. Infine, è stato chiarito il ruolo dei GAS nella costruzione dei Distretti di Economia Solidale, la loro capacità di aggregazione della domanda e dell’offerta, la necessità di creare relazioni con gli enti pubblici e la diffusione di una cultura di consapevolezza e cittadinanza attiva.

La parola è poi passata a una GASista del GAS di Macerata che vive a Treia, la quale ha raccontato della propria esperienza personale nel GAS MC, come quest’ultimo è nato e come oggi si organizza. Ha spiegato le ragioni per le quali ha aderito al GAS, da un lato per motivi ideali, cioè per insegnare ai propri figli a mettere in pratica scelte responsabili per un consumo consapevole del quale si è attori in prima persona, e dall’altro per sperimentare l’appartenenza a un gruppo basato sulla cooperazione.

Infine, Franco Verdicchio – produttore di Treia di polli, olio e confetture – che attualmente rifornisce alcuni dei GAS del maceratese e del fermano, ha raccontato la sua scelta di diventare un produttore biologico e di entrare nel circuito dei GAS. Sottolineando che si tratta di una scelta etica ma anche operativa, visto che i sistemi di produzione standard non permettono un reale arricchimento del territorio locale.

L’incontro si è concluso con  l’invito alle famiglie ad organizzare, se interessate, un secondo appuntamento per far partire il GAS di Treia, con la disponibilità del Comune di fornire uno spazio per le riunioni e il futuro deposito dei prodotti.

Pubblichiamo alcune foto dell’incontro interGAS che si è tenuto il 5 novembre a Tolentino, presso il Farmer Market.

L’incontro è stato un’occasione per conoscere produttori locali no food che hanno presentato i loro prodotti, in particolare:

  • EOS per l’abbigliamento;
  • Hi-Tex per capi in lana;
  • Altramoda per abbigliamento e articoli naturali per l’infanzia;
  • Ecomarchebio per le calzature.
Dopo l’incontro alcuni dei GAS, in particolare dell’alto maceratese, hanno deciso di aprire gli ordini con questi produttori.

Il 4 novembre 2011 si è tenuto il 10° incontro territoriale del progetto “..verso il DES maceratese”.

L’incontro è stato organizzato con la collaborazione di Solidarius Italia e sono intervenuti: Euclides André Mance – uno dei massimi esperti a livello mondiale di reti e di economia solidale – l’assessore provinciale al bilancio e alla programmazione economica Giorgio Palombini, il coordinatore e il referente informatico del progetto “..verso il DES maceratese”.
Toni Montevidoni – coordinatore del progetto – ha aperto l’incontro con una panoramica sulle esperienze italiane di Distretti di Economia Solidale, sottolineando che nel centro-nord è presente il maggior numero di Gruppi di Acquisto Solidali e che le esperienze di progetti pilota di DES sono maggiori in Lombardia. Progetti affini a quello promosso da REES Marche e Provincia di Macerata sono quello del quartiere Le Piagge di Firenze, del Consorzio Goel di Reggio Calabria e del progetto “Addio Pizzo” di Palermo. Il passaggio comune per tutte queste esperienze è stato dai GAS al DES, producendo sfere relazionali ed economiche più ampie ed efficaci delle tradizionali azioni dei soggetti dell’economia solidale, nell’ottica del cambiamento sociale. In particolare, il progetto “..verso il DES maceratese” si propone di sperimentare pratiche di economia solidale sul territorio provinciale, con il fine di svilupparvi la ricostruzione di filiere agricole corte BIO, mettendo in rete domanda ed offerta, contribuendo alle politiche di mitigazione della vulnerabilità sociale, salvaguardando il territorio ed integrandosi con il sistema sociale pubblico. Le azioni messe in pratica sono state principalmente l’ascolto dei bisogni e la conoscenza delle risorse presenti sul territorio, lo sviluppo della rete esistente di GAS, facilitare le reti di interscambio tra produttori, GAS e istituzioni nell’ottica dell’apprendimento reciproco.

I risultati attesi per questo progetto consistono nel:

  • supporto ai GAS e creazione di nuovi;
  • promozione dei produttori locali BIO;
  • creazione di una piattaforma online unitaria basata su software libero;
  • formazione specifica sulla nuova piattaforma presso tutti i GAS;
  • creazione di mailing-list a livello DES;
  • percorso di formazione per funzionari pubblici;
  • facilitazione di 10 incontri territoriali;
  • incontri di sensibilizzazione della cittadinanza.

Oltre a questi risultati se ne sono verificati altri che non erano stati previsti, in particolare:

  • avvio di una metodologia di lavoro condivisa tra partner disomogenei;
  • creazione di un forum online per il dialogo e le scelte condivise;
  • creazione di un sito internet ad hoc per il DES che contiene anche i siti di tutti i GAS maceratesi;
  • facilitazione della Festa Provinciale dei GAS;
  • supporto per acquisti interGAS per prodotti non locali, non ricorrenti e non food;
  • partnership per ricerca fondi UE;
  • collaborazione con il progetto “Oggi si acquista BIO” gestito dalla REES Marche;
  • interesse da parte dei produttori non food e servizi anche provenienti da fuori provincia/regione;
  • richiesta di poter entrare nel DES MC anche da parte dei GAS del fermano.

Dopo questa premessa sul progetto la parola è passata a Euclides Mance, il quale ha sottolineato che le pratiche di economia solidale sono antiche, è solo la teorizzazione che è nata tardi, nella seconda metà degli anni ’90. Oggi la situazione economica mondiale è paradossale, basta pensare che le sette maggiori imprese a livello mondiale fatturano più della somma del PIL di molti paesi, questo provoca necessariamente una crisi etica e democratica.

In Brasile esistono 22.000 iniziative di economia solidale, che producono complessivamente un fatturato annuo di 4.4 miliardi di dollari. Questi soggetti si organizzano in reti, creando dei circuiti che riorganizzano i flussi economici per uno sviluppo territoriale sostenibile con il fine fondamentale del benvivere della comunità. Per raggiungere tale obiettivo è necessario che la produzione sia destinata esclusivamente al territorio locale e che quando si verifica un disavanzo di profitto, questo venga usato per iniziative di finanza solidale, creando dei fondi ad hoc. Alla base di questi processi è necessaria una verifica dell’effettiva domanda locale, cioè analizzare qual è il consumo reale delle famiglie su un certo territorio per far partire da lì l’organizzazione della produzione.

Inoltre, è molto importante il rapporto tra enti pubblici e società dell’economia solidale, perché se le realtà che praticano economia solidale restano chiuse in sé stesse, non si crea un sistema economico alternativo e quindi uno sviluppo che considera tutte le sfere della vita per un reale benvivere comune. In Brasile il governo Lula ha istituito una Segreteria e una Conferenza Generale di Economia Solidale, che presentano proposte concrete di politica pubblica al governo brasiliano. Per mantenere un dialogo democratico che riporti tutte le visioni, è necessario assicurare l’autogestione dell’autonomia a questi enti. Le monete sociali sono una soluzione a come rappresentare il valore economico in un modo alternativo permettendo di consumare prodotti e servizi anche a chi non ha sufficiente liquidità.

Successivamente, Luca Ferroni – referente dell’area informatica – ha presentato la nuova piattaforma per gli ordini di tutti i GAS maceratesi, creata per il progetto del DES maceratese con software libero. Una piattaforma che si basa sulle diverse soggettività presenti nel DES e sulle risorse attualmente disponibili, per questo si tratta di un software adattabile alle esigenze dei vari GAS.

Dopo la presentazione della piattaforma Euclides Mance ha sottolineato le seguenti necessità:

  • è necessaria una mappatura della domanda non adempiuta sul territorio per creare nuove imprese locali;
  • è necessario il presupposto della trasparenza della creazione del prezzo, anche per spiegare eventuali differenze nella scontistica dei prezzi;
  • è necessario prevedere nel costo del prodotto un fondo di investimento, o meglio, di sostenibilità per il DES;
  • è necessario che i produttori locali facciano rete tra loro;
  • è necessario avere la consapevolezza e l’analisi dei flussi economici reali del territorio di riferimento.

Il 9 ottobre 2011 si è tenuta a Civitanova, all’interno dell’evento conclusivo di “Io scelgo, io cambio”, la Festa provinciale dei GAS maceratesi, durante la quale sono stati organizzati quattro gruppi di lavoro su alcuni temi specifici.


 

 

Pubblichiamo i primi due report dei gruppi di lavoro sui seguenti temi:

  1. Patto di solidarietà > Resoconto gruppo di lavoro Patto di solidarietà;
  2. Comunicazione nel DES macerateseRESOCONTO GRUPPO DI LAVORO comunicazione
  3. PGS ovvero i Sistemi di Garanzia PartecipativaResoconto gruppo PGS
Appena arriva l’ultimo report sul “Processo decisionale partecipato” lo pubblicheremo.
Aspettiamo commenti!

Il 6 settembre 2011 si è tenuto l’8° incontro territoriale del progetto “..verso il DES maceratese” presso la Mediateca Ubu di Montefano.

All’incontro, oltre al team operativo e a quello di sviluppo informatico, hanno partecipato: i rappresentanti dei GAS della provincia, i loro referenti informatici, la dirigente della Provincia Enrica Bonvecchi, la referente della Provincia per il progetto “Azioni di economia solidale verso il DES maceratese” Lucia Barbieri e il referente della REES Marche Paolo Ranzuglia.

L’argomento principale dell’incontro è stata la presentazione del nuovo sistema gestionale Gasista felice, software libero elaborato ad hoc dal team di sviluppo del progetto per la gestione degli ordini di tutti i GAS della provincia.

Durante l’incontro il software è stato testato, mostrando le modalità di gestione degli acquisti e di visualizzazione delle varie pagine a seconda del ruolo rivestito all’interno del proprio GAS (semplice gasista, referente di un fornitore, fornitore, referente contabile, referente della consegna, referente informatico, etc). Questo perché, a seconda del ruolo ricoperto, ogni persona avrà accesso o meno a certe specifiche funzioni del software e potrà rivestire anche più ruoli contemporaneamente, quindi accedere a più funzioni, modificare/creare/eliminare solo ciò per cui ha i permessi. Sono stati mostrati come esempio i passaggi che dovrà compiere un gasista per ordinare i prodotti desiderati, quelli che dovrà fare un referente-fornitore per aprire un ordine e avere il riepilogo complessivo e quelli per i fornitori per gestire il proprio listino e visualizzare gli ordini effettuati.

Questo sistema permetterà un rilevamento della domanda e dell’offerta aggregata sul territorio, facilitando la programmazione, evitando la mancanza di disponibilità di prodotti e la competizione tra produttori. Inoltre aiuterà la gestione e la programmazione della consegna di acquisti collettivi tra più GAS.

Il software è ancora in fase di implementazione, la priorità adesso è che venga testato dai gasisti nelle sue funzionalità di base, comunque entro la fine dell’anno tutte le altre funzionalità saranno pronte. Il fatto che sia software libero e costruito in modo condiviso, ci consente di porre in prospettiva il solo limite della fantasia, posto che le esigenze vengano espresse e successivamente analizzate dal team di sviluppo, per introdurle in modo coerente con il resto dell’applicazione.

E’ stato segnalato che per accedere al software è consigliabile usare Mozilla Firefox come browser internet, perché Explorer crea alcuni problemi di compatibilità. E’ possibile scaricare Mozilla Firefox cliccando QUI.

Alleghiamo in pdf la presentazione fatta durante l’incontro: Presentazione sistema gestionale


Per quanto riguarda il secondo punto all’ordine del giorno, l’organizzazione della Festa Provinciale dei GAS maceratesi, è stato deciso che si terrà DOMENICA 9 OTTOBRE dalle h 15:00 alle h 19:00 nella Sala Convegni dell’Ente Fiera di Civitanova Marche.

Durante la Festa verrà presentato a tutti il sistema gestionale degli ordini, seguiranno gruppi di lavoro su temi di interesse legati ai GAS e alla nuova interfaccia per gli ordini. Saranno anche presenti stand dei fornitori e dei produttori dei GAS, a questo proposito è stato richiesto ai referenti dei GAS di sollecitare la presenza dei propri fornitori, inviandogli  l’invito alla manifestazione e la scheda di adesione come standisti.

 

Diffondete la notizia e vi aspettiamo numerosi domenica 9 ottobre a Civitanova!

Il 19 luglio 2011 si è tenuto il 7° incontro territoriale presso la sede del GAL Sibilla di Camerino.
Hanno partecipato quasi tutti i rappresentanti dei GAS della provincia.
Il discorso è stato focalizzato sugli strumenti comunicativi messi a disposizione dal progetto “..verso il DES maceratese” e sui tempi e le fasi del passaggio al nuovo sistema gestionale di ordini.

Per quanto riguarda il primo punto, è stato mostrato la stato attuale del sito www.desmacerata.it, con le varie sezioni aperte e a dispozione. In particolare:

  • la pagina “EVENTI“, dove appare il calendario degli eventi che avverranno sul territorio del DES maceratese, LINK QUI;
  • la “MAPPA DEI GAS“, che visualizza sulla mappa le sedi dei vari GAS, LINK QUI;
  • la sezione dell’homepage “NEWS DAI GAS“, dove in automatico, con il sistema dei Feed RSS, appaiono le ultime notizie pubblicate sui siti dei vari GAS del distretto, collegata alla pagina “RSS Feed” che contiene in modo completo tali notizie, LINK QUI;
  • la sezione dell’homepage “GAS del DES“, che raccoglie i link ai siti internet dei GAS, alcuni dei quali verranno creati direttamente sulla piattaforma.

 

Dopodiché è stato spiegato l’uso delle mailing-list attivate sul portale del DES, a cui è possibile iscriversi dall’indirizzo liste.desmacerata.it; attualmente ne sono attive 4:

  1. tutti” per tutti gli interessati al progetto, dove vengono inviati gli aggiornamenti pubblicati sul sito internet del DES;
  2. referenti fornitori” per tutti i referenti dei fornitori dei GAS, per dialogare sulle tematiche relative agli ordini e ai fornitori;
  3. gruppo informatico” per i referenti informatici dei GAS e per tutte le persone interessate alle questioni informatiche del progetto;
  4. ordini altomaceratese” in particolare per i referenti dei fornitori dei GAS dell’altomaceratese (Camerino, Matelica, Tolentino, San Severino) per fare gli ordini interGAS.

 

Infine è stato presentato il nuovo strumento messo a disposizione per il dialogo tra i gasisti e non solo: il FORUM.

Digitando dialogo.desmacerata.it si potrà accedere alla pagina del FORUM, dove, dopo una breve registrazione, tutti possono porre domande e rispondere a domande già presenti sul Forum. Questo strumento permette di aprire dialoghi interGAS senza la necessità di essere tutti presenti allo stesso momento e nello stesso luogo. E’ possibile leggere tutti gli interventi ed esprimere un’opinione od un voto ad un commento già presente. Così il percorso decisionale e riflessivo sarà accessibile e trasparente anche a distanza. Inoltre, ogni dialogo verrà etichettato con un “tag”, cioè con una categoria, che permetterà di rintracciare più facilmente gli argomenti a cui si è interessati.

 

Per quanto riguarda l’area informativa del progetto, sono state presentate le prossime tappe:

  • la costruzione della pagina “STRUMENTI” sul sito internet, dove verranno raccolti tutti gli strumenti comunicativi messi a disposizione;
  • la costruzione della pagina “DOCUMENTI“, dove saranno reperibili in modo sistematico e analitico tutti i documenti relativi al progetto pubblicati fin’ora;
  • l’inaugurazione della NEWSLETTER con cadenza bisettimanale;
  • la visualizzazione sul sito internet del DES degli ordini aperti e dei FORNITORI del DES.

 

Si è passati poi alla parte relativa alle scadenze e alle fasi per il passaggio al nuovo gestionale, che sono le seguenti:

  • il 6 settembre a Montefano (data e luogo da confermare) > incontro del team informatico con i referenti informatici dei GAS per sperimentare il nuovo sistema gestionale, testare le modalità di ordini e di gestione. In quell’occasione verrà redatto un calendario degli incontri di formazione sul gestionale che verranno tenuti per ogni GAS;
  • dal 3 ottobre sarà possibile allargare a più persone la possibilità di testare la modalità di ordini con il nuovo sistema, contemporaneamente inizieranno gli incontri di formazione e la migrazione dei dati dai vecchi al nuovo sistema;
  • il 5 dicembre ci sarà il “Go live“, cioè sarà completamente attivo il nuovo sistema gestionale.

 

Come ultimo punto, è stato affrontato il discorso relativo alla Festa provinciale dei GAS. Quest’anno non è stata promossa da REES Marche la consueta Festa Regionale dei GAS proprio per dare spazio alle Feste Provinciali.

E’ stata presentata la proposta di inserire la Festa Provinciale dei GAS del maceratese all’interno di un altro evento che si terrà a Civitanova, probabilmente presso l’Ente Fiera nel mese di ottobre. Si tratta dell’evento finale del progetto “Io scelgo, io cambio”, fortemente finalizzato a favorire la consapevolezza sui propri stili di consumo, l’avvio di GAS, la realizzazione di orti biologici, di visite ai produttori del territorio…..

In sostanza, un progetto con finalità molto simili a quelle del GAS, non a caso di questa rete cittadina fa parte anche il GAS “GAIA” di Civitanova Marche. Questo renderebbe più agevole l’organizzazione logistica, visto che avremmo già a disposizione lo spazio dove allestire la Festa e saremmo all’interno di altri eventi interessanti come laboratori per bambini, seminari, incontri a tema dedicati ad un’economia sostenibile, solidale e basata sulle relazioni tra persone. Sarebbe anche un’occasione per collaborare con reti vicine all’economia solidale e con le quali condividiamo la necessità di un nuovo modello socio-economico (rete del volontariato e Forum III settore maceratese, comitati referendari, comitati per i beni comuni e i progetti della REES Marche).

Inoltre, collocando la Festa in quel periodo sarebbe anche l’occasione per vederci tutti insieme almeno una volta prima della fine del progetto “Azioni solidali verso il DES maceratese”.

Per facilitare questa decisione, abbiamo anche aperto un confronto su questo tema all’interno del Forum del DES, che potete vedere al link dialogo.desmacerata.it.

Clicca, iscriviti ed esprimi il tuo parere!

Aspettiamo le risposte e i commenti dai GAS entro lunedì 25 luglio.

 

Per adesso è tutto, buone vacanze da tutto il team operativo!